Il Nero di Troia

Il Nero di Troia

Il Nero di Troia

Qualche settimana fa siamo stati ospiti da Piccola Osteria Km Zero, un ristorante a Foggia in Via Iorio 13, dove si possono gustare piatti tipici della tradizione pugliese con cucina casereccia come le “orecchiette di grano arso con friarelli e salsiccia” o i “troccoli fatti a mano con sugo e ricotta tosta” o la “muscisca alla griglia” e gli immancabili formaggi stagionati locali; cibo veramente “slow”, fatto in casa, dai profumi e sapori di una volta, come ci raccontano Maura e Mario, i titolari cordiali e affabili. Ma dove il nostro palato ha gioito di piacere è stato quando abbiamo iniziato ad annaffiare il tutto con lo straordinario vino casalingo “Nero di Troia”! Il Nero di Troia o Uva di Troia (nome originale del vitigno) ha origini misteriose: la leggenda vuole sia stato il mitico eroe greco Diomede, finita la guerra di Troia, a portare in Puglia quei tralci di vite che avrebbero poi dato origine al famoso vitigno. Altre voci fanno derivare il nome dalla cittadina pugliese Troia in provincia di Foggia, altre dalla città albanese di Cruja, altre dalla regione galizio-catalana di Rioja. Fatto sta che questo robusto vitigno a bacca nera resistente alla siccità, coltivato a Bari, Corato, Andria, Barletta, Canosa, Foggia, Cerignola, San Ferdinando di Puglia, San Severo e Trani viene vinificato in purezza e da’ origine ad uno dei vini pugliesi più importanti e apprezzati, insieme al Negroamaro e al Primitivo. Di colore rosso rubino intenso, dal profumo fruttato e speziato con note di ciliegia, prugna, more e liquirizia, armonico e tannico insieme, si abbina con primi piatti saporiti, carni alla griglia, formaggi maturi. La sua gradazione alcolica minima è di 12° e la temperatura di servizio ideale è di 18-20°C. Quindi se per quest’estate andrete in vacanza nel Salento, sul Gargano, a Vieste, alle Isole Tremiti, a Castel del Monte, insomma in Puglia, non potete non assaggiare questo vino sontuoso! E se non ci andrete, cercate di accaparrarvi una bottiglia in enoteca oppure on-line: una fra le sue massime espressioni è sicuramente il Castel del Monte Nero di Troia Riserva DOCG Torrevento.

PS Ma se ci andate davvero, fatevi consigliare da Maura e Mario di Piccola Osteria Km Zero a Foggia e non ve ne pentirete.

Vedi quest’articolo su Facebook.

Domenico

I commenti sono chiusi